23 Aprile 2014 -  Brasile 15:31 - Italia 19:31
Cercare:
   Tempo   amici
Oriundi
EDULINGUA
   Home    | Newsletter    | Contatti    | Anuncie/Pubblicità Twitter Twitter    Facebook Facebook    RSS RSS  
TAVARESTOUR
Spazio gourmet
Edulingua
CCIRS
Ciência/Scienza   
Un "occhio bionico" per restituire la vista [it]
Mercoledì - 11/04/2012

Il progetto di ridonare parzialmente la visione ai ciechi affetti da retinite pigmentosa, iniziato a Pisa nell’ottobre 2011 nell’Unità operativa di Chirurgia oftalmica dell’Aoup -Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana -, sta prendendo forma con risultati davvero incoraggianti. Grazie, infatti, all’intervento chirurgico di impianto di protesi epiretinica eseguito dal Dott. Stanislao Rizzo , direttore della struttura, e dalla sua èquipe, e grazie alla riabilitazione ortottica successiva, i quattro pazienti operati a partire dallo scorso autunno ad oggi stanno ottenendo miglioramenti visivi obiettivamente tangibili. E i programmi del Dott. Rizzo prevedono di operarne altri quattro entro la fine dell’anno.

L’impianto di protesi retinica consiste in un dispositivo, denominato “Argus II” e messo a punto nei laboratori della Second Sight Medical Products in California, in grado di ripristinare una parziale capacità visiva in pazienti affetti da malattie degenerative della retina, che causano una cecità quasi completa in entrambi gli occhi. L’intervento, ad altissima complessità, impianta una protesi (microchip epiretinico) costituita da minuscoli elettrodi collegati alla retina del paziente, che captano dei punti del messaggio visivo, attraverso una telecamera molto piccola. Gli elettrodi dialogano con la retina compromessa dell’occhio malato, traducendo un modello primitivo di possibilità di vedere oggetti che si spostano nell’ambiente e di riconoscerli. Pisa è stato il primo ospedale al mondo a iniziare l’impianto su pazienti, una volta terminata ufficialmente la fase di sperimentazione, portata avanti anche in altri Paesi e durata all’incirca una decina d’anni.

Questi i risultati visivi attualmente ottenuti da ognuno di loro:

Il primo paziente, operato il 29.10.2011 (uomo, 59enne, occhio dx), dopo 5 mesi di riabilitazione ortottica, riesce adesso a distinguere la forma (tondo, quadrato e triangolo) di figure bianche su sfondo nero e viceversa e, cosa alquanto sorprendente, riesce a leggere lettere di 15 cm di altezza. Vede inoltre le ombre e intravede i contorni dei volti. Il secondo paziente, sottoposto a impianto il 10.12.2011 (uomo, 30 anni, occhio dx), dopo soli 3 mesi di riabilitazione, ha ottenuto i medesimi risultati del primo nonostante il più breve periodo di rieducazione. Distingue infatti le figure bianche su sfondo nero e viceversa, riconoscendone pure la forma (tondo, quadrato, triangolo). E, anch’egli, riesce a leggere lettere di 15 cm di altezza. Il terzo paziente operato il 09.02.2012 (donna, 55 anni, occhio sx), dopo 1 mese e ½ di riabilitazione, riesce già a distinguere figure bianche su sfondo nero e viceversa seppur non ne identifichi la forma. Infine il quarto paziente, operato il 29.03.2012 (uomo, 47 anni, occhio dx), non ha ancora iniziato la riabilitazione.

Tutti i pazienti operati non hanno avuto alcuna complicazione né durante la chirurgia né nel periodo di follow-up. I risultati ad oggi ottenuti sono sorprendenti: gli stessi scienziati della Second Sight, l’azienda californiana produttrice dell’impianto, sono entusiasti dei loro continui miglioramenti. A questo punto, considerati i risultati ottenuti finora, non si riescono a prevedere quali possibilità di recupero visivo possano avere i pazienti sottoposti a intervento.
 






Rivista digitale Oriundi


commenta questa notizia
É vedada a publicação de termos ofensivos ou de mensagens de cunho publicitário. Comentários com essas características serão excluídos pela administração do site.
Nome:
E-mail:
Seu comentário:
Digite o código que você vê na imagem abaixo:

Reload Image


Não há comentários
Ciência/Scienza

Fenice: l'impianto italiano che trasforma la Co2 in combustibile [it]

I misteri dell'universo nei fondali del Mediterraneo [it]

Scienziati italiani alla ricerca di molecole antiobesità [it]

Lanciato DISCO, un progetto Europeo per studiare la chimica verde delle piante [it]

Dieci oceani nel cuore della Terra [it]

Un oceano al posto del Sahara (non ci sarà, ma poteva esserci) [it]

+ Ciência/Scienza >>